Interruzione della convivenza e regali costosi, se non è provata la donazione restano al partner che li ha acquistati.

di Simone Padovani

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 28718 del 30 dicembre 2013, ha fatto luce su una questione spinosa in materia di convivenza more uxorio.

All’interrompersi del rapporto e della convivenza, i beni che non può dimostrarsi essere stati regalati, e quindi oggetto di donazione, vanno restituiti al partner che ne è titolare.

La Corte in particolare afferma: «Al termine della convivenza, il partner che dia la prova dell’esclusività della proprietà dei beni mobili costituenti l’arredamento della casa in cui si svolgeva il ménage familiare, ha il diritto di ottenere la loro restituzione dal convivente che li detenga senza titolo, restando tali beni nella proprietà esclusiva di chi ne è titolare».

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 28718/13)